Miagolato il 12 September 2008 - 11:45
Mhmm, Mood, Sprazzi, Troubles by Miciastra

Mi sveglio troppo presto come, d’altronde, mi capita da un pò di tempo a questa parte.

Guardo fuori. Il giorno sta arrivando ma già capisco che il tempo non sarà dei migliori. C’è aria di pioggia e completa mancanza di vento.

Quest’estate ho preso la decisione di non usufruire più di collaborazione domestica, sia per motivi economici ma anche perchè non mi va  di regalare soldi e di ritrovarmi con la casa non pulita per quello che spendo.
Quindi spolvero il salone, lavo la cucina, metto in ordine le cose stirate ieri sera ed esco di casa alle 7.50.
Oggi è venerdì e vicino a casa mia c’è un mercato molto carino, dove trovo un pò di tutto a prezzi accessibili.
Mi sono sempre piaciuti i mercatini, mi rilassano, mi piace contrattare, parlare con la gente, trovare cose strane. L’ho sempre paragonato al paese dei balocchi dei bambini.
Dovrei andare in ufficio presto perchè ho molte cose da fare per la Coppa Davis a Montecatini Terme la prossima settimana, anche se non andrò più.
Oltretutto, questa mattina sono stata deliziata dall’arrivo anticipato del ciclo, quindi ho la pressione sotto i tacchi.
E non solo quella.
E’ tanto tempo che non vado al mercatino e decido di farci un salto perchè ho un bisogno estremo di respirare, di distrarmi, di pensare a cose futili, di comprarmi una cazzata, di sentirmi come un bambino nel paese dei balocchi, di annullare i pensieri, di perdermi nel nulla.
E così faccio.
Arrivo e posteggio subito, vista l’ora. I banchi non sono ancora del tutto allestiti ed i gestori parlano a voce alta; qualcuno ha in mano un bicchierone di plastica con il cappuccino, altri scaricano la merce dai camion, altri ancora leggono il giornale. Il cielo è plumbeo e non presagisce nulla di buono.

Cammino, guardo, provo a rovistare sul banco di Luca, compro un golfino viola. C’è una giacchina nera per la mezza stagione che mi piace abbastanza. Cerco la media, la provo ma ho il giropetto troppo grande e passo alla taglia successiva. Mi stringe un pò sul seno. Accidenti, provo la XL ma e decisamente immensa e non mi si vedono più le mani. Ok, prendo la L e me ne vado via inveendo contro le mie tette troppo grandi.

Continuo a camminare e mi fermo al banco della porcellana bianca. Non so se mi attira tutto quel bianco o la porcellana, ma resto lì, ferma, a guardare.

Proseguo il mio cammino ed improvvisamente mi sento qualcosa al petto, mi gira la testa, mi chiedo cosa ci sto a fare lì, la gente intorno mi dà fastidio, il rumore del traffico mi penetra nelle orecchie. Devo andare via, non me ne frega un cazzo di stare qui, ma perchè ci sono venuta? E dove vado? Cosa faccio? Che senso ha tutto questo?

Squilla il cellulare. E’ IM che mi dice che la batteria della sua macchina è completamente a terra. Menomale che mi ha chiamata. Mi ha distolto da una imminente crisi di panico. Decido di passare dal meccanico, prendere i cavetti e di andare da lui ma poi riesce a risolvere con il portiere.

Vado in ufficio, così tengo la testa impegnata e penso di meno.

Lunedì mia madre verrà ricoverata per l’intervento chirurgico ed io devo accumulare più forza possibile.

Mi sento già sfinita e sono solo all’inizio di questa brutta avventura.

Miagolii

metis - 13 September 2008 - 19:05

un grande in bocca al lupo.


alcmena - 13 September 2008 - 23:37

Coraggio, Micia, e speriamo che lo possano prendere per tempo.
L’ortodonzista dei miei nipoti ci convive da anni.
In bocca al lupo.


Miciastra - 14 September 2008 - 9:53

Grazie metis, improvvisamente voglio credere agli in bocca al lupo.

Devo trovare tutto il coraggio possibile, cara alcmena e non sarà facile. E’ “speriamo che lo possano prendere per tempo” che mi atterrisce.
Grazie per essere passata da qui e del tuo augurio.


Miciastra - 14 September 2008 - 11:05

@alcmena -sono andata sul tuo blog ed ho capito chi sei. Non sono così celere nel comprendonio, ultimamente.
Sorry.


Vuoi miagolare?
Name:
Email:
Website:
Comments:
^^ >< :u :s :k :e :O :D :@ :< :) :(

Preview: