Miagolato il 14 November 2010 - 0:22
Dolore, Paura by miciastra

ASL, CUP, CAD, TAC, RMN, RMC.
Sigle su sigle.
Sto vivendo di queste sigle che, fino a qualche anno fa, non ne conoscevo l’esistenza.
E quando entri in contatto con loro, significa che ti trovi in un mondo parallelo, fatto di sofferenze, dedali inesplorati in cui non trovi mai l’uscita, anche se la cerchi affannosamente.

Ed eccomi qui, a convivere con con una vita che non vorrei, con giganti cattivi che mi guardano i cagnesco e mi sfidano di continuo.

Eppure queste sigle rappresentano la “salvezza” per certe persone…

ASL – Azienda Sanitaria Locale
CUP – Centro Unico Prenotazioni
CAD – Centro Assistenza Domiciliare
TAC – Tomografia Assiale Computerizzata
RMN – Risonanza Magnetica Nucleare
RMC – Risonanza Magnetica con Contrasto

Sigle importanti, per molti, assolutamente vitale.

Ecco la mia vita da qualche tempo a questa parte. E mi muovo come un bambino in un mondo inesplorato ma con la saggezza di un vecchio che sa tutto quello che lo aspetta, anche se è consapevole che non si sentirà mai pronto a quello che la vita gli presenterà.

Vedo mia madre morire, giorno dopo giorno, con la consapevolezza che arriverà quel momento e che, ne io ne lei, ne saremo mai pronte.

E’ una donna forte lei, l’ha sempre dimostrato in tutta la sua vita ed ora, paradossalmente, lo è ancora di più. La sua consapevolezza della morte mi annienta, mi sento piccola, sono figlia e non voglio smettere di esserlo. Mi sento ancora  dipendente da lei, malgrado i miei 46 anni e non posso immaginare un mondo senza mia madre. So che mi sentirò persa ed avrò paura.

Ma tanta paura.

In questo momento sono io il cardine di questa situazione. Sono donna e devo occuparmi di un’altra donna che sta male. Non ci sono fratelli, compagni, amiche. Ci sono solo io e mi trovo a gestire un disagio fisico, fatto di pannoloni e pianti, di consapevolezza di quello che avverrà, tranquillizzando stupidamente un compagno di vita di oltre 40 anni, un fratello incapace di affrontare la situazione, un nipote 15enne che la ama profondamente e al quale dovrò rendere conto.

Ecco. Mi trovo nel bel mezzo di sigle strambe, dolore, ansie, paure e devo trovare la forza di gestire tutto questo.

Lo faccio, lo farò, ci sono, ci sarò, trovo la forza e dovrò trovarla anche per dopo ma ho dovuto mettere il mio cuore da qualche parte, sto cercando di renderlo immune alla difficoltà oggettiva attuale. L’ho spugnato, sto cercando di proteggerlo dal dolore, creando una sorta di muro tutt’intorno, agendo in maniera totalmente normale, vivendo la vita di tutti i giorni, ma io so che non è così.

Sigle.

Mi ritrovo a sperare nelle sigle. spero nella loro bontà.

Lunedì ci sarà una TAC e poi un RMN e poi chissà…

Eh già, chissà…

che dolore grande al cuore…

Come mi sento piccola ed inutile…

Il senso di inutilità ed impotenza è tremendo.

Miagolii

imbrogliata - 26 November 2010 - 23:20

hai la forza e la debolezza giusta per frontegiare tutto questo. te l’ha data tua madre, quando ti ha insegnato l’amore.
ti abbraccio


No Blogger - 9 December 2010 - 9:26

non ci sono parole per questi momenti, lo so..è difficile dire qualsiasi cosa, può sembrare superficiale e vuota..prova però ad avere un sorriso per i tuoi cari, in molti casi li aiuta…


Adefa - 24 November 2014 - 3:03

On-site optimization prliarimy refers to the optimization of editorial content. Search engine crawlers can only read words. Images and videos are like a foreign language to them.a0For this reason it is particularly important that the editorial content is information-rich and keyword optimized. This can be achieved by optimizing the ratio of the total word count to the number of a particular word or phrase to 3-4%. Meaning in a text with 100 words, each keyword should occur 3-4 times. Try to fill each sub-page with at least 300 (better is 500) words of quality content. But be careful: don’t do keyword-stuffing.


Kapil - 25 February 2015 - 1:48

i live in the northwest, and it has afecetfd me; price of oysters is up. producers are thrilled, consumers, not so much. much of our local seafood is shipped overseas, so the international market is afecetfd. the damage from that oil puddle is already international in nature. under the right conditions, tropical storms and hurricanes, people all over the world could see this oil on their beaches.


Tania - 3 April 2015 - 23:53

think about all the fish and seafood liinvg in the oily waters? do you eat them? and the oil too that is in them?? or are they poison? the oil is not good for anybody to eat!! there goes a lot of food for sometime to come?


levitra - 10 April 2015 - 11:10

I live in VA, and was at a festival in a smaller town last Saturday. I got to the “crafts” section and could not believe the amount of confederate flags, in various forms, for sale. They were parked right next to the Jesus Saves t-shirts. So he saves t-shirts? Anyway, needlepoint confederate flags are creepy. I always picture those flags owned by angry young rednecks. It’s disturbing to think of them being made by grannies. But I guess the new bigots had to come from somewhere.


generic viagra - 28 April 2015 - 3:44

Got it! Thanks a lot again for helping me out!


Hi are using Wordpress for your blog platform? I’m new to the blog world but I’m trying to get started and set up my own. Do you require any coding expertise to make your own blog? Any help would be greatly appreciated!


Sonia - 4 May 2015 - 1:53

i had left over brown rice so i tried this today for lack of anything else to eat. brown rice toeppd with chopped strawberries, plums, blueberries & raspberries and a sprinkle of cinnamon. it’s actually quite delicious.


Until I found this I thought I’d have to spend the day inside.


Got it! Thanks a lot again for helping me out!


You’re on top of the game. Thanks for sharing.


Vuoi miagolare?
Name:
Email:
Website:
Comments:
^^ >< :u :s :k :e :O :D :@ :< :) :(

Preview: