Miagolato il 28 May 2008 - 16:38
Mhmm, Riflessioni by Miciastra

Gli antichi greci pensavano che il carattere umano, e di conseguanza il comportamento, fosse il risultato di una mix di quattro umori o liquidi: bile nera, gialla, sangue e flegma.

La bile nera era un ipotetico liquido freddo e secco, quello della bile gialla era caldo e secco, il flegma era freddo e proveniente dal cervello ed il sangue, un umore rosso.
Di per sé ciascuno di questi quattro umori non veniva considerato come una malattia ma, se si veniva a creare un disequilibrio tra di loro, il risultato poteva portare proprio alla malattia ed anche alla morte.
Questi umori significavano quindi “stati d’animo” ed ancora oggi usiamo gli stessi termini per definire un carattere flemmatico, sanguigno, collerico o melanconico.
Già, melanconico.
La parola deriva dal greco melas, che vuol dire nero e cholé che significa bile.
Bile nera.
Ma la melanconia non è da considerarsi un liquido freddo e secco, piuttosto come uno stato d’animo, una venatura di tristezza che pervade il carattere e che lo rende silenzioso, introspettivo ma anche composto da una certa dolcezza di fondo.

La malinconia, invece, è un sentimento difficilmente spiegabile, inconsapevole, quasi indefinibile, che provoca una tristezza di fondo, il desiderio di un qualcosa che non si ha mai avuto e del quale se ne sente terribilmente la mancanza ed è da considerarsi come una lieve forma di depressione.

Dunque la melanconia è uno stato d’animo e la malinconia, un sentimento. 

Quindi, se il primo è uno stato d’animo è, di conseguenza, temporaneo, mentre il secondo, essendo un sentimento è permanente. Giusto?

Ed io che oggi mi sento strana, apatica, triste, malinconica, silenziosa, introspettiva, pensierosa, depressa, desiderosa di tutte le cose che non ho, dove mi colloco?

Sono una persona malinconica oppure questa è solo melanconia? Temporanea o permanente?

Sono sull’orlo di una crisi di nervi oppure sta emergendo il mio senso artistico ed introspettivo?

Che liquidi, che umori ho io? E se non li avessi per niente? E se fossi semplicemente una persona triste?

E se i greci si fossero sbagliati ed a me oggi girasse solamente il culo nel verso sbagliato?

Mah…

Miagolato il 25 May 2008 - 19:06

E’ così che si chiama l’orsetto di peluche di mio nipote.
Cuchicco.
Un nome importante, anche se un pò difficile da pronunciare.
Eppure si chiama così, il pronipote del famigerato ”Teddy Bear” della mia infanzia.
Cuchicco.
Un anno e cinque mesi, due occhi meravigliosi ed una impressionante somiglianza a quella che ero un tempo.
Cuchicco.
Senza cuchicco non si va da nessuna parte.
Il cuchicco è il cuchicco e non si dicute.
E mentre lo vedo muoversi in casa mia per la prima volta da quando è nato, a parte il capodanno del 2007 in cui aveva solo pochi giorni, riesco a commuovermi come non mi succedeva da tempo.
E’ una storia come tante, quella di mio fratello. Incontra una donna, decidono di fare un figlio, realizzano che non sono assolutamente fatti l’uno per l’altra e, a sei mesi di gravidanza, decidono di “comune accordo” di lasciarsi, di continuare a vivere ognuno la propria vita ma con la consapevolezza e l’intelligenza apparente di allevare il bambino che verrà nel migliore dei modi.
Concetto fico, intelligente, moderno, intellettualmente di alto livello.
Purtroppo le aspettative non saranno così e, alla nascita del padrone di cuchicco, si scatena l’inverosimile, con attacchi diretti, indiretti, avvocati, polizia, carabinieri, denunce e chi più ne ha, più ne metta.
E’ passato un anno e mezzo e mio nipote oggi è venuto per la prima volta a casa mia.
Inutile dire che non mi chiama zia, che non sa chi io sia, che non abbia la ben che minima coscienza del legame che c’è fra noi, che non abbia gesti affettuosi nei miei confronti, che non mi si butti al collo.
In questo anno e mezzo ho cercato di aiutare mio fratello, di stargli accanto, di consigliarlo ed anche di trovargli un bravissimo ed alquanto fetente avvocato perchè, se guerra deve essere, è bene che lo sia ad armi pari.
Ho visto scene inenarrabili, situazioni incresciose e di una tristezza infinita.
Ho visto mio fratello piangere, annaspare nel buio, ricorrere a sedute di psicoanalisi, dimagrire a vista d’occhio ed arrendersi alle situazioni che la madre del padrone di cuchicco innescava solamente per motivi economici.
Solo per soldi.
Mio nipote non mi conosce per un problema economico.
Mio nipote non sa che mia madre è sua nonna solo per problemi economici.
Cone si fa ad anteporre i soldi all’affetto? Come ci si riesce?
Eppure succede. Quando non ti tocca da vicino, sembra che una situazione simile sia destinata solamente ad una certa tipologia di persone. Ma non è così.
Il destino è decisamente beffardo e potente.

Ma oggi mio nipote è qui con me, si aggira per casa, gioca con il mio gatto che, stranamente, come se avvertisse il disagio e decidesse di dare una mano, non si muove, lo scruta, gli si mette accanto, si fa toccare.
Il padrone di cuchicco lo guarda esterrefatto, lo tocca, lo odora, gli parla, esclama frasi ancora incomprensibili a noi poveri mortali ma che hanno un significato profondo per lui…e forse anche per il mio gatto, chissà…

Mentre lo osservo aggirarsi per casa, penso a tutto quello che, in un anno e mezzo, questo cucciolo ha già passato ed un brivido mi pervade la schiena al pensiero di tutto quello che dovrà ancora affrontare, oltre alla vita normale di ogni bambino.

Ma lui ce la farà, noi siamo forti e lui lo sarà ancora di più e poi non è solo…

Guardo cuchicco e segretamente gli chiedo di vegliare su mio nipote, di dargli il calore e la sicurezza che non ha ancora avuto, di accompagnarlo nei sui sonni e di rallegrarlo nei suoi giochi.

Cuchicco non lo abbandonerà.

Ne sono certa.

Miagolato il 25 May 2008 - 9:37
Amici, Emozioni, Pensieri by Miciastra

Eccomi.
Primo WE dopo il tour de force.
Primi giorni per il recupero fisico e mentale.
Sono veramente stanca, forse non lo sono mai stata così tanto nella mia vita lavorativa.
Ho ancora tutto il follow up (così IM è contento) da terminare ed è la parte meno piacevole perchè, per dirla brevemente, il post evento non è più divertente come il pre, non c’è più l’adrenalina, la carica, l’interesse che si ha prima di buttarsi nella mischia.
Ora ci sono anche i conti da far quadrare (e dio solo sa quanto io sia negata), ora c’è il famigerato consuntivo, ora si incomincia a litigare di brutto. E’ incredibile quanto siano stolte le persone, mi meraviglio ancora nel constatarne i limiti, non mi capacito di come si possa essere così ottusi. E’ il momento dei resoconti e tutti si affannano a cercare, a pretendere “pezze d’appoggio” per tutte le cazzate fatte durante questo periodo.
Non so, gli Internazionali di Tennis creano uno stato psicologico particolare nelle persone con cui lavoro, è come se si ubriacassero di questo potere a tempo e dimenticassero tutto quello che, invece, dovrebbe esser fatto con criterio.
Durante questo periodo ho visto colleghi e colleghe inebriati dalla mondanità che rotea intorno ad un evento decisamente sportivo; li ho visti aggirarsi con tacchi e cravatte, ridere quasi sguaiatamente, parlare con chiccessia, insomma, l’importante era “esserci”.
Io li osservavo da lontano, sempre in tenuta da battaglia perchè di questo si è trattato. Scarpe da ginnastica, pantaloni extra comodi, walkie-talkie al collo, capelli legati per il gran caldo; ho dimenticato il mio sesso, quasi fino a sentirmi un ibrido.
Ma io non ho perso di vista nulla, ho fatto tutto con criterio, ho lavorato bene ed oggi quasi mi diverto a vedere i miei colleghi nel panico più puro (ebbè, a Roma si dice ” a chi tocca non s’ingrugna”!)
In questa settimana ho ripreso un pò me stessa, sono andata dall’estetista per manicure, pedicure (non descrivo la situazione dei miei piedi post torneo perchè vi voglio bene), ceretta & co.
Risalire la china non sarà cosa semplice, ma ci riuscirò.
Questa mattina mi sono alzata con calma, ho preso il mio caffè decaffeinato, ho fumato la mia sigaretta con estremo piacere, sono andata su tutti i vostri blog per aggiornarmi sui vostri pensieri.
Oggi è domenica ed ho invitato la mia famiglia a pranzo da me. Non li vedo da tanto ed ho proprio voglia di stare con loro.
Buona domenica a tutti.

Miagolato il 16 May 2008 - 23:41
Amici, Emozioni by Miciastra

Mi sono alzata prestissimo questa mattina. Volevo fare la doccia con calma, lavare i capelli, vestirmi un pò più da essere umano, visto che da non so quanto vivo in jeans, scarpe da ginnastica, T-shirt e felpa legata alla vita, così posso utilizzare le tasche per le varie radioline, sigarette, cellulare & co.

Mi son detta:” Bhè, oggi forse riuscirò a non correre tutto il giorno come una pazza invasata alla ricerca di questo e di quello, cercando di far combaciare i pezzi di questo pazzo puzzle…”

Quindi doccia, jeans ingentilito da camicia nera e cintura argentata con cuore di strass (tanto per sentirmi un poco femminuccia) e via…

Ma questo pazzo puzzle ha tantissimi pezzettini e mi si prospetta una di quelle giornatine in cui tutto va esattamente come non dovrebbe andare…
Una meraviglia!!!
E poi l’incontro della Chakvetadze con i dirigenti della BNL, quello della Pironkova presso lo stand della Komen Italia, la mia odierna attività allo Young Village, con Anabel Medina Garrigues e Virginia Ruano Pascual, immerse in orde di bambini che chiedevano di tutto…
Arriva poi il bellissimo momento in cui apprendiamo del ritiro di Serena Williams (quella con la porta cane, il porta sacca sportiva ed un codazzo infinito dietro) ed anche la sconfitta di sua sorella Venus.
Da qui, come il principio dei vasi comunicanti, si scatena di tutto e l’eco degli eventi rimbalza sui muri del Foro, facendo morti e feriti.
Arrivo alla sera stremata dalla fatica e, dulcis in fundo, si spengono improvvisamente le luci sul centralino e le giocatrici di doppio sono costrette a spostarsi su un altro campo…. una scena pietosa…..
E’ appena passata Adriana, coach della Medina Garrigues e della Ruano Pascal. Hanno perso. Gli occhi velati, mi dice che non se lo aspettava…. Adriana è un’amica per me, ci conosciamo da tanti anni e quel velo negli occhi viene anche a me…
La giornata agonistica è finita, ora inizia quella mondana.
Mario Venuti in concerto.
Io me ne vado via.
Mi sento un pò sconfitta anche io.

Miagolato il 15 May 2008 - 23:23
Emozioni, sensazioni by Miciastra

Siamo quasi al traguardo finale… mancano pochi giorni per i più mentre, per noi, ne mancano ancora parecchi.
Sono stanca, dormo non più di 4 ore a notte da tre settimane e le giornate sono frenetiche.
Il torneo femminile è ben differente da quello maschile, più difficile, complicato. D’altronde noi donne lo siamo certamente.
E come arrivano le donne, arrivano i litigi. Accidenti quanto siamo strane!!!
Passo le giornate a risolvere cose inverosimili, le sorelle Williams che non vogliono sottostare a nessuna regola e fanno come cazzo santo gli pare, il loro papà, con amante al seguito (questo si che è un gossip!) e la mamma che fa finta di non vedere. La “porta cane” (ebbene si, esiste anche questa figura professionale) di Serena Williams che se la tira al massimo, non curante del ruolo meschino che ricopre. E poi c’è il folto gruppo delle amiche intime di Saffo che ti avvolge, che ti fa sentire “anormale”. C’è anche la fatina Sharapova, bella, eterea, silenziosa, che trae a sé moltitudini di maschi, maschietti ed uomini che la guardano inebetiti, impacciati, di fronte a cotanta beltade.
Ed ancora la scia delle “ova”, tutte russe, tutte uguali, tutte bionde, tutte alte, tutte con la coda, tutte felici di non stare nel loro Paese e proprio per questo, agguerrite, che cercano di mantenere alto il proprio ranking per restare nel giro ed in giro.
Le cinesi seguono a ruota.
Belli i tempi della Sanchez, Sabatini, Seles, Navratilova, Hingis… si distinguevano, erano diverse, erano campionesse.
Ora dalla mia finestra vedo i campi desolati, forse un pò troppo vuoti, mentre la musica del villaggio “VIP” aumenta sempre di più…
Stasera D’Alema è stato qui ed è successo di tutto…
Ho visto gente al seguito, quasi inebetita, insomma… dei coglioni…
La parte tecnica è appena finita, ora parte la serata mondana… e non vi dico cosa ci si può trovare….
Me ne vado a dormire, che è meglio…
Buonanotte.

Miagolato il 11 May 2008 - 1:44
Amici, Emozioni by Miciastra

Giornata infernale. Casini su casini.
Giornata di transizione poichè subentra il torneo femminile e quello maschile non è ancora finito. Oltre a ciò, c’è il Senior Tour, i “vecchi”, come vengono chiamati. Ma questi vecchi sono solamente Pat Cash, Henri Leconte, Thomas Muster e Goran Ivanisevic. Vecchie glorie del passato. Anche del mio.
Ed oltre a ciò, questa sera si festeggia la “Racchetta d’Oro”, un “award” (mi si perdoni il continuo uso di ternimi inglesi ma sono giorni che parlo poco italiano) particolare che ogni anno viene dato a grandi campioni del passato.
C’è stato fermento oggi.
Grande tensione per un Nadal ed un Federer che hanno perso, per la preoccupazione di tutti questi ritiri che danneggiano il lavoro di tutti noi, per la settimana che verrà, per la Henin che si cancella all’ultimo momento, per la Mauresmo (grande amica mia e ci tengo particolarmente a dirlo) che non sta affatto bene…

Fa parte del gioco, ma questo gioco prosciuga l’animo. E’ un gioco che ti fa battere il cuore ma ti rende particolarmente forte.

Ma torniamo alla “Racchetta d’Oro”. Quest’anno premiamo Manolo Santana, grande atleta del passato, grande gentleman (e sono sempre più rari). Lui è un mito, una racchetta d’oro per eccellenza.   E’ arrivato ieri, con il suo solito sorriso,  ha spalancato le braccia e mi ha accolto con un abbraccio. Il suo italiano è meravilgioso, dolce, caldo, morbido. Mi fa venire in mente i romanzi di Gabriel Garcia Marquez, con quei colori pastello, l’odore del cibo a tutte le ore, i patii tipici del sud america, rigogliosi di piante dai fiori giganti e colorati.

Mi dice: “ciao, come stai? Sei sempre bellissima!!! Io so che domani sarà il suo 70° compleanno e gli sussurro “auguri Manolo, sei sempre il migliore!” e lui aggiunge “grazie tesoro, sono 70 e pensa che questa notte sarà la mia ultima notte erotica!!!”. Suo moglie, donna bellissima che vive accanto a lui da ben 22 anni, subito risponde” bhè, speriamo che tu la passerai con me!!!”.

E poi arriva Ilie Nastase che si inchina e mi fa il baciamano (dio quanto mi piace!) e mi cinge la vita e mi fa roteare con un passo di valzer…

Subito dopo è la volta di Ion Tiriac, grande campione in passato, grande manager nel presente. E’ alto, imponente, mastodontico, con quei solitibaffoni che mettono soggezione… Mi guarda, mi sorride e dice un solo “ciao bella” e, visto il personaggio, è già una conquista…

Ma c’è una regina della serata. “Lei”, la regina indiscussa del tennis del passato, la dea intoccabile, l’eterea, la misteriosa fanciulla del sud america.

Tutti la attendono. Vengo sommersa da richieste da parte delle più diparate emittenti televisive, dai giornali scandalistici, dai paparazzi (esistono ancora)…

E’ arrivata due giorni fa e non si è vista ancora qui al Foro Italico. Questa attesa, incrementa la tesione, il mistero…

“Ma è venuta?”, “dove alloggia?”, “Con chi è?”, “Perchè non viene qui?”, “Chissà com’è diventata?…” “Ma è sempre bella?”

Tutti sanno che io sono la “tata” di tutti i giocatori e giocatrici del presente e del passato e, di conseguenza, iniziano ad assediarmi… I giornalisti televisivi mi tampinano ma io taccio però, devo ammetterlo, questo nervosismo che c’è nell’aria, non mi lascia indifferente.

Alle 20.00 arriva.

Scende dalla macchina in abito lungo… E’ bellissima.

Sky è lì, non sono riuscita a tenerli lontani e, in fondo, non me ne frega più di tanto.

C’è una folla silenziosa, ammirata, quasi in soggezione…

Io sono lì, ad accoglierla, conscia del fatto che, dopo 15 anni, lei non mi riconosca proprio più.
Lei mi guarda, mi fissa e poi le si apre un sorriso sulle labbra ” Ma sei proprio tu?”
“Si, sono io”
“Ma sei ancora qui dopo tutti questi anni?”
“Sono ancora qui”
“Che bello vederti, che gioia rivedere questi posti! Ti ricordi quanto ci siamo divertite?
“Accidenti si che mi ricordo!”
“E ti ricordi quella sera che…”
“Si e poi tu hai fatto…”
” e poi…”
“Si, e poi…”

In quel momento il tempo si è fermato, anzi, è tornato indietro… momenti bellissimi, irripetibili, come tutti i momenti…

E la gente intorno a noi non c’era più, eravamo da sole, come nel passato. Quel passato che ci ha visto insieme a ridere, a scherzare, a vivere una vita decisamente spensierata…
Lei, la dea del tennis ed io, quella di sempre.
Tutte e due cresciute ma con la testa ancora, per un attimo, nel passato.
E baci ed abbracci… Tutto intorno a noi non c’era più…

Ma poi l’incanto si è spezzato perchè la vita gioca sempre gli stessi scherzi ed i doveri riportano gli animi romantici alla realtà.
Lei verrà insignita della “Racchetta d’Oro” questa sera ed il mondo continuerà a girarle intorno in maniera vorticosa.

Per il mondo lei è Gabriela Sabatini, per me solo Gabriela.

Miagolato il 10 May 2008 - 0:51
Amici, Emozioni by Miciastra

Sono viva…..
Giornate intense ma fantastiche.
Adrenalina a mille e fatica alle stelle.
Quanta gente! Quante situazioni! Quanto mondo!

Incontro persone provenienti da ogni parte del mondo, vecchie glorie del passato, assisto a deliri per un autografo, vedo gente piangere nel vedere il proprio idolo, adulti che fanno di tutto per “toccare” il campione del momento. Federer, Nadal, Djocovich, Roddick… tutti idoli, per me, solo degli amici, delle persone semplici, normali.
La mia fatica di un anno è tutta qua, reale, tangibile ed è bello raccoglierne i frutti.
Inglese, francese, spagnolo… non faccio altro… parlo, parlo, parlo ed agisco…
E’ una vera fortuna poter verificare il proprio valore professionale in maniera così esplicita, vedere le persone credere in te, in quello che gli dici, affidarsi alle tua capacità, seguire i consigli, esser stimati per come vivi i rapporti umani soprattutto in situazioni in cui la calma non è decisamente di casa, in cui il potere logora proprio chi non ce l’ha.
Mi barcameno in situazioni estreme e le persone che lavorano a stretto contatto con me e che hanno almeno 10 anni di meno, mi guardano allibiti, increduli e non riescono proprio a stare al mio passo.
Io so di essere brava, so di essere una forza umana, so di avere delle capacità particolari, riesco a stare in “prima linea” senza aver paura, non mi spaventa proprio nulla e so che ce la faccio sempre, vedo i risultati e mi sento bene.
Come posso spiegare tutto questo?
Non lo so. Lavorare “dietro le quinte” è cosa per pochi eletti. E’ una dote naturale. Ed io ce l’ho.
Forse non so fare altro, ma questo si.
Mi serve questo momento, mi serve per ricredere in me, nelle mie capacità, mi serve per riacquistare forza interiore, per sentirmi migliore e viva.

Da questo punto di vista, sono una donna decisamente fortunata.

PS: l’invito è sempre valido… se volete venire agli Internazionali, fatemi un fischio!!!