Miagolato il 27 June 2008 - 23:42

Udite udite!

 

Il ragazzo s’è superato…

 

Arrivo alle ventunoeventi, citofono, mi apre la porta e… wow!!!

 

La casa stranamente messa in ordine, ha anche spazzato la miriade di sassolini che Dafne regolarmente tira fuori dal suo bagnetto.

 

Accedo con una certa titubanza, sono abituata a trovare Beirut qua dentro, per cui quasi mi sembra di essere andata in una casa che non conosco. IM mi accoglie in bermuda militari e t-shirt con un vecchio disegno di Batman e Robin che ho freneticamente cercato e trovato a NY perchè so che lo adora (Batman, Robin no perchè dice che è frocio, almeno fino a quando non è diventato Nightwing).

 

Candele accese ovunque, musica di sottofondo, aperitivo pronto sul bancone della cucina: Martini bianco con arancia e stuzzichini vari, perchè sa che io adoro tutto questo.

 

Mi sento un po’ inadeguata per la serata, poichè arrivo con i capelli ancora bagnati dalla doccia, uno pseudo vestito viola con annesse scarpe. Inutile parlare del trucco che non ho perchè sono perennemente in ritardo ed anche un po’ maschiaccio, ma lui è il mio amico e con lui posso permettermi di tutto.

 

Dopo il bis con l’aperitivo [Salve, sono Miciastra e sono un'alcolista], IM mi dice di sedermi a tavola e di non muovermi assolutamente ed anche di non smangiucchiare troppo pane perchè…

 

Mi siedo a tavola contenta, curiosa ed affamata poichè l’ultimo pasto risale alle dodicieventi: esattamente nove ore fa!!!

cena02.jpg

 

Ed ecco che arriva il famigerato spezzatino con le cipolle…

 

Cristo quanto è buono!!! Questo piatto mi fa venire in mente cose che, per decenza, non posso descrivere in questo momento perchè rischierei di far concorrenza a YouPorn… [Ebbene si, lo conosco anche io...]

cena01.jpg

 

 

Ma lo spezzatino è niente in confronto a quanto questo “marruano” ha preparato! Patatine fritte con la senape fregata a McDonald che è l’unica che mangio, un meraviglioso Centine fresco [Perchè credo che io e lui siamo gli unici a bere il rosso freddo...]

cena03.jpg

“Non mangiare troppo pane” mi dice il mio amico “perchè poi c’è dell’altro…” [Lui sa benissimo che potrei uccidermi per questo]

 

[Cazzo mai avrà preparato questo scellerato?]

 

Cena bellissima con meravigliosa musica di sottofondo, risate vere ed un grande senso di benessere. Lo devo ammettere, il mio amico ci sa fare.

 

Dafne fa da contorno, arrampicandosi di qua e di là perchè ancora non si è resa conto di essere un gatto e non un cane. IM sparecchia e mi vieta di alzarmi. Ok non mi alzo anzi, bevo, fumo, ascolto la musica e mi rilasso decisamente.

 

Arriva a tavola con una serie di coppe e coppette varie… Che ci sarà dentro? Lui sa che io odio i dolci [li odia anche lui] e quindi proprio non so cosa contengano.

 

Sorpresa, sorpresa!!! Fragoline di bosco e panna, rigorosamente non dolce!!! Io AMO le fragoline di bosco, le ADORO, mi fanno letteralmente impazzire ed amo profondamente anche la panna!!!

 

Minchia che cena, ragazzi!!! Minchia che amico, ragazzi!!! Minchia, che culo che ho ad avere un amico così, lo devo proprio ammettere. Riesce sempre a cogliere l’attimo, a farmi sentire bene, a rilassarmi anche senza parlare.

 

Sparecchiamo, io mi metto a giocare un po’ con Dafne che si trasforma in Satanik [come la chiamo io quando è arrazzata], un bicchiere di whisky, chiacchiere varie, ma la cosa più importante è la sintonia ed il sorriso disarmante che ha questo mio grande amico.

 

Grazie, ci voleva. [E tu, solamente tu, lo sapevi]

 

[OT: Continuo ad adorare i sensi di colpa!!!]

Mood:Happy emoticon Happy

Miagolato il 27 June 2008 - 17:19
Amici, Cazzeggio, Zampette by Miciastra

Vuoi forse un pò per le cattiverie che InvernoMuto ha detto nel suo post riguardo all’aperitivo delle 18.00 o forse perchè mi trascura da un pò [per bariste e genere umano in generale], bhè, fatto sta che stasera mi ha invitato a cena a casa sua, promettendo di cucinare il suo famosissimo spezzatino con le cipolle, che tanto amo alla follia…


Adoro i sensi di colpa!!!

Mood:Meeeow!!! emoticon Meeeow!!!

Miagolato il 24 June 2008 - 16:31
Emozioni, Zampette, viaggi by Miciastra

Weekend decisamente particolare.
Venerdì ho preso un aereo e sono andata a New York.
Era un pò che ci pensavo e, dato che per condizioni familiari usufruisco di agevolazioni particolari, ho colto la palla al balzo e sono andata.
Ventiquattro ore a New York. Non è tanto ma è molto, soprattutto in virtù del fatto che posso annoverarmi tra coloro che vengono considerati fortunati.
Atterro venerdì pomeriggio alle 17.00 locali. A parte la mia narcolessia, che mi fa addormentare ancora prima del decollo e svegliare poco prima dell’atterraggio, il viaggio è andato alla grande, visto che sono stata anche messa in classe “magnifica” e sul 777 è degna di questo nome.
Trasferimento in albergo. Passo dal Queens, noto quartiere (se vogliamo considerarlo tale!) newyorkese e dormitorio di gran parte dei lavoratori della city. Passo davanti a Flushing Meadows ed il cuore mi si stringe nel vedere lo stadio dove si disputano gli US Open. Ma l’emozione aumenta quando all’orizzonte si staglia la tipica cartolina di NY e, sebbene io sia già venuta qui più o meno 30 o 40 volte, l’emozione rimane sempre la stessa. Non so descriverla ma chi ha avuto l’opportunità di vedere tutto questo, potrà ben comprendermi.

Arrivo in albergo, centralissimo e decisamente carino. Doccia rapida e poi cammino fino a Times Square, icona paesaggistica e simbolo di questa immensa città. I cartelloni pubblicitari digitali mi fanno girare la testa ma mi piace tutto questo. Voglio andare a cena al Village, mi piace respirare quell’aria un pò artistica e pazzoide, immergermi tra le razze più disparate, entrare nei negozi vintage e quelli un pò strani. E poi c’è Panchito, il ristorante messicano che mi piace tanto, non tanto per il cibo, quanto per l’insuperabile frozen margarita che servono solamente lì. Mi siedo quasi subito, sebbene ci sia il caos più totale. Che bello e che buono!!! MacDougal Street, insieme a Bleecker Street sono le vie del Village che preferisco, quelle più vive, le più strambe.

Dopo cena passeggio qua e là e mi diverto a guardare le persone, i negozi, i locali. Mi vengono in mente tanti film girati qui, in queste vie così strette per essere newyorkesi, in queste case minuscole, con le finestre che si affacciano sulle scale antincendio esterne, di quelle che si tirano giù…

Improvvisamente il mio jet leg si fa sentire impetuosamente, così decido di andare a dormire e saluto New York di notte, poichè domani sera non sarò più qui.

Con estremo piacere chiamo un taxi alzando la mano (adoro questa scena!!!) e lo trovo immediatamente. Gli “yellow cab” sono tutti provvisti di dispaly posizionati nello schienale del guidatore e mostrano la posizione del taxi su una mappa e tutto il tragitto che percorre. Oltre a ciò, nella parte destra puoi trovare le news in diretta. L’autista è un pazzo e guida come tale. E’ greco e vive qui da non so quando. Mi racconta tantissime cose con un accento fantastico e, un pò per la sua guida (ho seriamente pensato di non arrivare in albergo), un pò per i suoi racconti, riesce a farmi passare il sonno.

La mattina mi sveglio prestissimo. New York è ancora addormentata. Dalla mia finestra vedo l’ Empire State Building, colto da una luce bellissima…

Decido di uscire e di andare a passeggiare al Central Park, polmone di questa città troppo piena di cemento. Ci vengo sempre. Mi piace molto e mi perdo tra le stradine del parco. Arrivo al ponticello che tanto adoro e mi fermo lì per un pò. Il contrasto tra la città ed il parco è incredibile, sembra irreale. Anche il rumore ed il caos si dissolvono improvvisamente una volta entrati qui. Gli scoiattoli non hanno paura e ce ne sono veramente tanti. Incontro anche una tartaruga che ha perso l’orientamento e l’accompagno vicino al suo lago.

E’ una magia. Tutto è perfetto, pulito, verde, pieno di fiori e di silenzio. Mi viene in mente ”the sound of silence” di Simon & Garfunkel ed inizio a canticchiarla. Mi piace quello che c’è intorno a me.

Decido di concedermi anche una passeggiata sul risciò. Lì ci sono dei ragazzi che ti portano in giro. conosco “Dick” un ragazzo nero molto simpatico che ha decisamente litigato con l’acqua ed il sapone. Durante la passeggiata parliamo e gli dico che sono italiana. Al chè lui esclama:” Italian? Ah… Silvio Berlusconi…he’s a thief!” Ma come!?! Ma come?!? Ma non era “Italiani, pizza e mandolino?” oppure “Italiani, spaghetti e qualcos’altro…?” E’ cambiato qualcosa, decisamente. E non in meglio. Saluto Dick e gli auguro buona fortuna.

Alle 10.00 la New York commerciale si sveglia ed ho deciso di darmi allo shopping sfrenato, quel tipo di shopping in cui la carta di credito si scalda, diventa incandescente, quello shopping in cui ci si fa del male. Ne ho voglia, voglio regalarmi questo shopping. Ho lavorato tanto e non mi sono concedo nulla da tempo.

Prima di andare sulla Fifth Avenue, vengo attratta da un cubo di vetro. E’ un Apple Centre e decido di andarlo a visitare , incuriosita più da quell’entrata così particolare che dalla mercanzia.

Inizio il tour de force!!! Entro in tutti i negozi… Arrivo alla 34a dove trovo quello che cercavo. Dopo ben sette ore mi avvio verso l’albergo. Sembro la cugina brutta di “Pretty Woman”, anzi, se mi guardo meglio, più un somaro carico di pacchi. Ma sono estremamente soddisfatta.

Faccio la valigia che, diligentemente e criminalmente, avevo portato quasi completamente vuota. Doccia (penso intensamente a Dick e mi sento proprio fortunata), poi trasferimento al JFK. Alle 22.00 parto. Vedo New York dall’alto e le prometto di tornare ad ottobre. E lo farò.

La mia narcolessia mi permette di addormentarmi quasi subito…

Mi risveglio sulla costa orientale spagnola… sono frastornata, mi portano la colazione e dopo poco atterro a Fiumicino.

Apro la porta di casa, mi butto sul divano, chiudo gli occhi e canticchio non so nemmeno io cosa.

Mi risveglio dopo poco o tanto, proprio non lo so e penso: ” Ma ci sono stata o no a New York? E’ stato solo un sogno?”.

Che importa.. sono stata bene comunque…

 

 

Mood:Happy emoticon Happy

Miagolato il 15 June 2008 - 21:03

Vivo in un palazzo di nove piani e quarantadue appartamenti. Palazzo costruito nel millenovecentotretasette, con scale immense ed un ascensore ricavato non so nemmeno come. All’ingresso, spazi  che contenevano quello che un tempo il fascio littorio usava esporre ma che, oggi, comporta solo spazi vuoti. Ci vivo dal millenovecentonovantuno, anno in cui il marito di mia madre ma ha comunicato che un “ente” gli aveva dato una casa e che dovevo assolutamente traslocare perchè, altrimenti, avrei, avremmo perso la casa. Centoquaranta metriquadri di casa antica, soffitti di quattrometri e mezzo, con un ingresso di venti metri quadri totalmente inutile, tre camere da letto, una cucina, un salone, lo sgabbuzzino, un bagno solo [ahimé] e due terrazzi piccolissimi. Sono al nono piano e vedo la cupola di San Pietro, sono in centro storico, in fondo. Nell’androne c’è un quadro raffigurante la madonna con il classico lumicino e le cassette della posta in legno e vetro, il marmo intorno all’ascensore in cui si intravedono residui di quello che un tempo furono conchiglie, oggi divenuti fossili. Il mio ascensore ci mette ben cinquantanove secondi ad arrivare al nono piano e, anche se si tratta di secondi, sembra sempre un’eternità. Questa eternità è spesso aumentata dai vari inquilini che, visto il lungo tragitto da percorrere, si accalcano per non perdere il “turno”. Ma siamo tanti e viviamo a Roma. Ciò significa non cagarsi assolutamente. Io posso dire di non conoscere gli inquilini del mio palazzo. Non so nulla di loro, non so che vita facciano, che problemi abbiano e quando sul portone vedo affisso un fiocco rosa o celeste, proprio non so a chi possa appartenere.

Ogni piano ha quattro appartamenti e, anche se quattro per nove dovrebbe fare trentasei, non chiedetemi come mai ci sono quarantadue appartamenti perchè la matematica non è decisamente la mia materia. Fatto sta che ce ne sono quarantadue. Ne sono certa perchè io sono l’interno quarantadue e quindi è così.

Al nono piano, oltre a me, c’è una famiglia con una figlia in carrozzina ed ogni volta che l’ascensore non funziona, quindi almeno una volta a settimana, si ritrovano a portarla giù in braccio, tra l’indifferenza dei più, una vecchia coppia oramai ultra ottantenne, coppia di “secondo letto” [dicerie di condominio...], come si suol dire, lui ex idraulico, lei non so, forse moglie e basta, che non mi sembra proprio poco.

Poi c’è l’interno trentanove. Una coppia anziana. Lei, ex infermiera, lui, ex non so cosa, ma ex, poichè oramai in pensione. Sono di origini orvietane, come me. Vivono da soli, hanno due figli grandi. No, hanno un figlio grande. La figlia era grande, un tempo. Ora non lo è più. Paola.

Bella ragazza, molto solare e gentile. Il marito ha un banco di frutta esotica al mercato coperto sotto casa. Due figli, un maschio ed una femmina, quasi come da copione. Anche lui è fico.

Bella famiglia.

A trentanove anni le viene diagnosticato un tumore al seno e da lì inizia la sua trafila con ospedali e cure.

Niente da fare. Il cancro vince anche sulle belle famiglie.

Paola muore troppo presto, troppo velocemente, soprattutto per i suoi figli che erano ancora troppo, se c’è mai un troppo in questi casi, piccoli.

Apprendo la notizia in un giorno di sole, mentre stendo i panni sul terrazzo della cucina che combacia con quello di Marcella, la mamma di Paola.

Mi dice: ” Miciastra, Paola non c’è più, se n’è andata via da me”.

Non sapevo cosa dire, cosa fare. La tristezza mi ha trovata fertile, il dolore mi ha devastata. Lei era carina, sempre sorridente e che cazzo, come possono succedere certe cose? Ed i figli che faranno ora?

E’ stato un dolore grande, malgrado il fatto che, nel mio palazzo non esistano rapporti umani normali.

Paola è morta da tre anni e la vita di Marcella è cambiata. La incontro ogni mattina presto in ascensore, sempre carina, sempre forte, sempre sorridente. Con l’autobus va a casa dei suoi nipoti, pulisce, prepara da mangiare e torna a casa sua dove l’attende un marito a cui, nel frattempo, tanto perchè il destino  è proprio stronzo alle volte,  è venuto un cancro allo stomaco.

Nei cinquanatanove secondi di ascensore le chiedo sempre come sta e lei, regolarmente e giustamente, piange. Ogni mattina. Ogni santa mattina, ma allo scadere dei cinquantanove secondi, mi augura sempre una giornata serena.

Questa mattina mi sono svegliata presto e vagabondavo per casa. Devo proprio ammettere che il periodo che sto vivendo non sia dei migliori. Mi sono svegliata con un gran bel senso di inutilità all’ennesima potenza, con la voglia di annientarmi sul divano, con la tachicardia alle stelle ed uno stato depressivo incombente. Ho dato da mangiare al mio micio/cavallo ed ho acceso il pc. Blog e affini. Poi il nulla.

Suona il campanello.

Chi cazzo sarà mai di domenica mattina alle dieci e quarantacinque?

Chi osa rompermi il cazzo a quest’ora?

Vado alla porta, guardo dallo spioncino… è Marcella.

Penso: “Mio dio che cosa sarà mai successo? Magari suo marito”… non posso pensarlo… mi rifiuto di farlo.

Apro la porta in camicia da notte di Victoria’s secrets e mi sento fuori posto.

“Ciao Miciastra, sono andata in campagna ad Orvieto e ti ho portato queste ciliegie, sono brutte perchè ha piovuto tanto, ma sono buone davvero”.

Non so cosa dire ma il mio cuore si gonfia di emozione. Sono frastornata e non so cosa fare.

“Grazie Marcella, ti ringrazio veramente, sei proprio carina”

“Sai, sono del ‘nostro’ paese, sono buone”.

La ringrazio ancora cento volte e so bene che queste ciliegie avrebbe voluto portarle a Paola.

Le ho prese per lei.

Ma l’ho fatto anche per me perchè mi fa bene al cuore.

Miagolato il 13 June 2008 - 18:09
Mhmm, Zampate by Miciastra

La dottoressa Laura Schlesinger è una famosa giornalista di una radio americana che nella sua trasmissione dispensa consigli alle persone che telefonano. Qualche tempo fa, Laura ha affermato che l’Omosessualità, secondo la Bibbia (Lev.18:22) è un abominio, e non può essere tollerata in alcun caso. La seguente lettera è stata spedita alla dottoressa Laura SCHLESINGER il giorno stesso in cui la trasmissione è andata in onda.

“Cara Dottoressa Schlesinger, le scrivo per ringraziarla del suo lavoro educativo sulle leggi del Signore.

Ho imparato davvero molto dal suo programma, ed ho cercato di dividere tale conoscenza con più persone possibile.

Adesso, quando qualcuno tenta di difendere lo stile di vita omosessuale, gli ricordo semplicemente che nel Levitico 18:22 si afferma che ciò è un abominio. Fine della discussione.

Però, avrei bisogno di alcun consigli da lei, a riguardo di altre leggi specifiche e come applicarle.

Vorrei vendere mia figlia come schiava, come sancisce l’ Esodo 21:7. Quale pensa sarebbe un buon prezzo di vendita?

Quando sull’altare sacrificale accendo un fuoco e vi ardo un toro, so dalle scritture che ciò produce un piacevole profumo per il Signore (Lev.1.9). Il problema è con i miei vicini: i blasfemi sostengono che l’odore non è piacevole. Devo forse percuoterli?

So che posso avere contatti con una donna quando non ha le mestruazioni (Lev.15: 19-24.). Il problema è come fare a chiederle questa cosa? Molte donne s’offendono…

Il Levitico 25:44 afferma che potrei possedere degli schiavi, sia maschi che femmine, a patto che essi siano acquistati in nazioni straniere. Un mio amico afferma che questo si può fare con i filippini, ma non con i francesi. Può farmi capire meglio? Perché non posso possedere schiavi francesi?

Un mio vicino insiste per lavorare di Sabato. L’Esodo 35:2 dice chiaramente che dovrebbe essere messo a morte. Sono moralmente obbligato ad ucciderlo personalmente?

Un mio amico ha la sensazione che anche se mangiare crostacei è considerato un abominio (Lev. 11:10), lo sia meno dell’omosessualità. Non sono affatto d’accordo. Può illuminarci sulla questione?

Sempre il Levitico 21 al verso 20 afferma che non posso avvicinarmi all’altare di Dio se ho difetti di vista. Devo effettivamente ammettere che uso gli occhiali per leggere… La mia vista deve per forza essere 10 decimi o c’è qualche scappatoia alla questione?

Molti dei miei amici maschi usano rasarsi i capelli, compresi quelli vicino alle tempie, anche se questo è espressamente vietato dalla Bibbia (Lev 19:27). In che modo devono esser messi a morte?

 Ancora nel Levitico 11:6-8 viene detto che toccare la pelle di maiale morto rende impuri. Per giocare a pallone debbo quindi indossare dei guanti?

 Mio zio possiede una fattoria. è andato contro Lev. 19:19, poiché ha piantato due diversi tipi di ortaggi nello stesso campo; anche sua moglie ha violato lo stesso passo, perchè usa indossare vesti di due tipi diversi di tessuto (cotone/acrilico). Non solo: mio zio bestemmia a tutto andare. E’ proprio necessario che mi prenda la briga di radunare tutti gli abitanti della città per lapidarli come prescrivono le scritture? Non potrei, più semplicemente, dargli fuoco mentre dormono, come simpaticamente consiglia il Levitico20:14 per le persone che giacciono con consanguinei?

 So che Lei ha studiato approfonditamente questi argomenti, per cui sono sicuro che potrà rispondere a queste semplici domande. Nell’occasione, la ringrazio ancora per essere così solerte nel ricordare a tutti noi che la parola di Dio è eterna ed immutabile.

Una sua devota ammiratrice”

Mood:Mmm… emoticon Mmm…

Miagolato il 5 June 2008 - 16:28
Cazzeggio by Miciastra

educazione.jpg

L’ho trovata per caso e mi ha messo di buonumore…

Mood:Laugh emoticon Laugh